in

Sabrina Salerno ha appena compiuto gli anni. Sai quanti?

E’ proprio vero che certe bellezze non hanno età: Sabrina ne è la prova

Cantante, attrice, ballerina, e da oggi anche cinquantenne: di chi stiamo parlando? Sabrina Salerno ovviamente! Una delle più amate artiste italiane ha appena spento 50 candeline, ma ripercorriamo insieme la sua lunga carriera pieni di successi!

Sabrina inizia, come tante altre, da un corso di bellezza (vincendo a 15 anni Miss Lido). Grazie a questa vittoria (la stessa di Sophia Loren, Marisa Allasio, Rosanna Schiaffino e Carmen Russo) venne contattata da Claudio Cecchetto per il programma TV W le donne (lavorando a fianco del grande Johnny Dorelli) sulla neonata Canale 5.

Nel 1986 arriva il primo singolo Sexy Girl, prodotto da Cecchetto, che riscosse un enorme successo non solo in Italia, ma anche in Germania, Australia e in altri paesi europei, venendo scelta come sigla del Festivalbar 1986Nel frattempo partecipò come cantante e showgirl ad altri due varietà di Canale 5: Grand Hotel (1986) e SandraRaimondo Show (1987) con Sandra Mondaini e Raimondo Vianello.

Un anno più tardi arriva l’album d’esordio Sabrina che contiene, fra i tanti brani, anche il successo internazionale Boys che conquistò la terza posizione della classifica britannica, trovandosi in classifica preceduta da Michael Jackson e Madonna.

Molto successo del brano è dovuto soprattutto al video ufficiale che vede la cantante uscire da una piscina bevendo un cocktail con indosso un bikini bianco reso trasparente dall’acqua. 

Sempre dallo stesso album sono stati estratti Hot Girl (altro successo europeo) e la cover di Patti LaBelle Lady Marmalade (che raggiunse ottime posizioni in Francia e Scandinavia). Anche qui troviamo video che esaltano la fisicità di Sabrina, che finì col consacrarla sex symbol degli anni 80.

Tra il 1986 e il 1987 affrontò i primi ruoli di attrice, con le pellicole Grandi Magazzini e Le Foto Di Gioia, insieme al telefilm Professione Vacanze.

Fu ospite al Raffaella Carrà Show, varietà che segnò l’esordio come conduttrice sulla rete ammiraglia Fininvest. Un anno più tardi uscì Super Sabrina, secondo album che riscosse, anch’esso, un ottimo successo commerciale.

Da qui sono usciti singoli come My Chico (col quale ottenne il premio miglior cantante europea al Festivalbar 1988), All Of Me (Boy Oh Boy), e Like a Yo-Yo (sigla di chiusura dello show televisivo Odiens con Lorella Cuccarini, Ezio Greggio e Gianfranco D’Angelo in onda su Canale 5).

Nel 1989 incise un altro singolo di successo, Gringo, e fu protagonista di un concerto all’Olimpisky Stadium di Mosca, diviso in tre giorni, seguito da oltre 50.000 persone. Questo concerto fu reso disponibile in VHS con il titolo Sabrina Live In Moscow.

In Spagna intanto usciva una raccolta (in esclusiva per i catalani) chiamata Single Hits che mischiava i brani del primo e del secondo album.

Nel 1990 arriva la hit Yeah Yeah e il terzo album dal titolo Over The Pop. Sempre nel 1990 parteciperà per la quinta volta al Festivalbar e diverrà presenza fissa al programma quotidiano di Rai 2 Ricomincio da due con Raffaella Carrà.

Un anno più tardi, per la prima volta, Sabrina pubblicò una canzone in italiano col featuring di Jo Squillo dal titolo Siamo Donne (con tanto di partecipazione al Festival di Sanremo).

Sempre lo stesso anno la cantante venne accusata di essersi sottoposta a chirurgia estetica per l’aumento di labbra e seno (accuse che finirono in tribunale). Fra il 91 e il 92 tornerà su Canale 5 come cantante nel programma Bellezza sulla neve dove canterà, fra l’altro, la sigla di chiusura Love Dream (la stessa partecipazione avverrà un anno più tardi anche nella versione spagnola).

Nel 1992 pubblicò in Francia il singolo Cover Model. In questo periodo emerse da parte dell’artista la volontà di cambiare direzione artistica e staccarsi dall’immagine aggressiva e sexy che l’aveva lanciata, entrando così in contrasto con il suo management, che continuava a proporla come seducente interprete di brani scanzonati e maliziosi.

Tre anni più tardi Sabrina pubblica il primo album interamente prodotto da lei Maschio dove sei, che vide la collaborazione con Massimo Riva e Vasco Rossi. Sempre nello stesso anno esordì a teatro per poi tornare in tv nel game show Il Grande Gioco Del Mercante In Fiera su TMC.

Nell’estate del 1998 condusse insieme a Carlo Conti lo show di Rai 1 Cocco Di Mamma, mentre nel 1999 torna nella scena musicale pubblicando l’album A Flower’s Broken che però non ottenne il successo sperato. Nello stesso anno sarà protagonista nel film degli 883 Jolly Blue e nella sit-com di Italia 1 Tutti Gli Uomini Sono Uguali.

Dal 2001 al 2003 Sabrina è stata una dei protagonisti del musical Emozioni, diretto da Sergio Japino, con Ambra Angiolini e Vladimir Luxuria, mentre nel 2005 sarà concorrente a Hit Me Baby One More Time, show musicale del canale inglese ITV.

Il ritorno sulla scena musicale avverrà il 3 Ottobre del 2008 con l’album Erased / Rewind Official Remix (contenente 13 successi reincisi e 13 inediti). Sempre nello stesso anno ha affiancato per una settimana Alberto Davoli nella conduzione del programma radiofonico Estate 101, su R101.

Mentre il 16 Febbraio 2009 entra a sorpresa nella casa del Grande Fratello per cantare assieme ai concorrenti Siamo donne, prova canora della settimana.

Due anni più tardi condurrà su Italia 1 il programma Mitici ’80 (ma che ne sa ’90 Special ) , mentre nel 2011 esce il singolo Boys & Girls con la partecipazione dei Club Dogo e Fatman Scoop. Torna al cinema nel 2012 in Francia e in Belgio col film Stars 80, in cui Sabrina recita nel ruolo di se stessa a fianco ad altri cantanti degli anni ottanta.

Dal 20 Marzo al 25 Aprile 2014 sarà coach e caposquadra del gruppo di ballo LECCEzione nel talent show La Pista di Rai 1, pubblicando solo 2 mesi più tardi il nuovo singolo Colour Me.

Concluderei facendo, non solo gli auguri, ma anche un grosso in bocca al lupo all’artista con più di 20 milioni di dischi venduti all’estero. 

E voi volete dirle qualcosa? Potete farlo sul nostro gruppo NOSTALGIA CANAGLIA, pagina Facebook e Twitter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Crash Bandicoot N. Sane Trilogy per tutti!!!

L’uomo Tigre (1968-1971)