in

Musicassette: e se tornassero di moda?

Tornereste ad ascoltare oggi le musicassette

La prima musicassetta fu immessa sul mercato nel 1963 dalla Philips, ma la produzione di massa cominciò nel 1965 in Germania.

Le case discografiche iniziarono ad adottarla oltre al vinile: quest’ultimo era ingombrante e poco maneggevole, mentre la cassetta era piccola, la portavi ovunque, economica e facile da duplicare.

Composta da due lati (A e B), la cassetta esigeva un cambio manuale da uno all’altro e con l’aumentare della diffusione si iniziarono a diffondere riproduttori a doppia testina in grado di invertire il cambio.

Ma non era ancora abbastanza, mancava ancora qualcosa. Ci pensa quindi Sony a smuovere il mercato con il lancio del Walkman, dispositivo che permetteva a chiunque di ascoltare la musica ovunque si trovasse.

L’arrivo del CD mosse parecchio le acque: le musicassette si difesero inizialmente piuttosto bene, ma piano piano la qualità e la facilità di masterizzazione portata dal digitale iniziarono a ribaltare le sorti.

Nel 2000 cessa quindi la volontà da parte della maggior parte delle case discografiche di incidere su musicassetta…

What do you think?

0 points
Upvote Downvote

Written by Matty90

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

“POWER RANGERS”, il film nelle sale dal 6 aprile in Italia! [VIDEO]

Flat Eric, il pupazzo più figo di sempre: te lo ricordi?