in , ,

Scuola di Polizia: come sono oggi i protagonisti!!

Ecco come sono 30 anni dopo il primo film!

Sono passati più di 30 anni dall’arrivo nei cinema del primo capitolo di una delle saghe comiche di maggior successo degli anni ’80, un’ascesa continuata soprattutto negli anni ’90.
I sei film vennero mandati in onda pressoché ogni anno fino ad oggi, nonostante la costante presenza di luoghi comuni!

Il 23 marzo 1984, nelle sale americane faceva il suo esordio Police Academy, arrivato in Italia nell’agosto dello stesso anno col titolo di Scuola di Polizia, che riguardava alcuni strani e divertenti personaggi arruolati in una sgangherata accademia di Polizia statunitense, diventati successivamente veri e propri poliziotti.

Grazie ai nuovi regolamenti, infatti, quasi chiunque potè arruolarsi in polizia, senza limiti di altezza o peso, e tra le nuove reclute si presentarono personaggi stravaganti, come Larvell Jones, capace di riprodurre tutti i suoni e i rumori con la bocca, il gigantesco Moses Hightower, dal fisico di un quarterback che però di professione fa il fioraio, Douglas Fackler, un uomo estremamente maldestro che combina sempre pasticci le cui conseguenze, però, non ricadono mai sui di lui, ma sempre sugli altri, Leslie Barbara, un giovane strampalato e in sovrappeso che gestisce un chiosco della Kodak, Eugene Tackleberry, militare e amante delle armi da fuoco e soprattutto della 44 Magnum, la bella e affascinante Karen Thompson, rampolla di una famiglia signorile abituata a vivere nei lussi, la buffa e timida ragazza nera Laverne Hooks e Carey Mahoey, poco portato al rispetto delle regole che lavora come parcheggiatore e ha sempre evitato il carcere perché il padre defunto era un grande amico del capitano Reed.

Sicuramente ve li ricordate, ma sapete come sono diventati oggi? Vediamolo insieme, continuate a leggere…

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Happy Days: riunione del cast per Erin Moran

Ci lascia il padre di “Children”, Robert Miles