in

Addio Compact Disc? Sony chiude anche l’ultima fabbrica negli USA


Chi di voi non conosce o non ha mai usato un compact disc? Ma sì, dai… i CD!

Spopolati negli anni ’80, ci hanno accompagnato fino agli inizi del 2000, periodo in cui l’uso di internet e il download degli mp3 iniziarono a soppiantarli.

Al giorno d’oggi le vendite dei CD nel settore musicale, “grazie” ai servizi come Spotify e i vari store digitali, sono scese di un ulteriore 18% (contro le piattaforme di streaming che sono cresciute del 60%), decretando ancora una volta quanto la gente preferisca la praticità e la portabilità di smartphone o lettori mp3.
Lo stesso che era capitato col passaggio dal vinile alla musicassetta ed al CD stesso. L’evoluzione tecnologica crea e distrugge miti a ritmi forsennati.

Sono proprio questi i motivi principali che hanno portato il colosso nipponico Sony a chiudere lo stabilimento di Terre Haute in Indiana (attivo dal 1984). Questo non è solo un brutto segno per i CD, ma anche per i lavoratori che, a quanto detto da Sony, saranno ben 300 in meno, mentre per i restanti ci sarà un trasferimento in un altro settore come  quello della produzione dei Blu-Ray e mini disc UHD-100 per le sale cinematografiche.

Anche Best Buy ha annunciato la dismissione della vendita dal 1 Luglio, continuando però a vendere i vinili che, a quanto pare, sembrano continuare a decollare (a differenza dei cd che dovrebbero scomparire entro il 2022).

E voi che ne pensate? Usate ancora i CD oppure no? Fatecelo sapere sul nostro gruppo NOSTALGIA CANAGLIA, pagina Facebook e Twitter.

What do you think?

0 points
Upvote Downvote

Written by Matty90

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

La Corrida: ecco i dettagli della nuova edizione in arrivo

Hackerare il Nintendo Classic Mini è possibile, ecco la prova